DALLA MIA TESI 1

Bene, oggi si parla un po' di quello che faccio per la tesi.
Come sapete (sì, come no), la mia tesi sarà sulle incisioni rupestri della Val Camonica, precisamente sulle incisioni di pugnali. Qui alcune scoperte che ho fatto:

  • Il pugnale più diffuso è il pugnale a lama triangolare dell'Eneolitico (noto come "Età del Rame")
  • Esso sembra rientrare in alcuni riti di canonizzazione della pietra come elemento dativo di energia spirituale, in base ad alcune rocce istoriate.
  • Esso ha anche altri simboli, per esempio come simbolo di ricchezza e potere (massi di Cemmo)
  • Esso è tra le armi usate per l'identificazione temporale:
    1. I pugnali più antichi hanno una lama triangolare piuttosto grossa
    2. I pugnali medi hanno una lama triangolare più fine, secondo il tipo Remedello
    3. I pugnali più recenti tendono ad assumere forme del tipo Ciempozuelos, tipico del  Campaniforme, una facies (insieme di caratteristiche materiali e/o funerarie) diffusasi in tutta europa nella tarda Età del Rame
    4. In un frammento si sono ritrovati infine un paio di pugnali la cui forma rimanda all'Età del Bronzo
I Massi di Cemmo
Ci sarebbe molto di più da dire, ma per ora può bastare.
Aggiungo solo questo: nell'Età del Rame in Val Camonica si attesta il fenomeno dell'istoriazione di massi indipendenti dalle pareti rocciose, raccolti e piantati nel terreno; i massi vengono definiti "Stele" se incisi su un solo lato (in questo caso sono lastriformi), "Massi Istoriati" se incisi su tutti i lati (in questo caso sono rotondeggianti ma sempre lisci). Questo fenomeno rimanda alle Statue Stele e alle Stele Antropomorfe, diffuse in molte parti d'Italia (Aosta, Lunigiana, Trentino) e non solo.

Spero sia risultato interessante: fatemelo sapere nei commenti. Ci sentiamo.


Nessun commento:

Articoli Correlati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...