CREAZIONE MONDI: LINGUAGGIO

In un racconto di fantasia ambientato in una realtà alternativa, importanti sono le caratteristiche dei popoli, e quindi il linguaggio di essi: se la realtà è alternativa, i popoli hanno proprie culture, linguaggi, mitologie, ecc... quindi, analizziamo come creare la lingua di Novuno.

Per il lessico, intendo derivarlo dall'italiano con influenze dal mio dialetto, il Camuno Artognese; se vi sta bene, bene, sennò, pazienza, tanto son io che scrivo XD.
Ma mi sembra opportuna cominciare dalla fonetica del novunese, derivata dall'italiano e dal camuno.

Ecco la fonetica italiana:
A di Albero
B di Bara
C dura di Casa, con un allofono (variante) davanti a I ed E (CHiesa)
C dolce di Cenere e di Cianuro
D di Dare
E di Elica
E di Edera
F di Fare
G dura di Gara, con un allofono davanti ad I ed E (GHianda)
G dolce di GIara
I di Imbuto
I semiconsonantico di Ieri
L di Lampada
M di Mano
N di Nano, con due allofoni, uno davanti a F o V (aNfora) e uno davanti a gutturale (aNcora)
O di Occhio
O di Ostico
P di Perla
R di Ratto
S dolce di Sdegno
S dura di Sole
T di Tatto
U di Uva
U semiconsonantico di Uovo
V di Volo
Z dolce di Zaino
Z dura di Zampa
GN di GNocco
GLI di aGLIo
SC di SCia

In realtà la questione fonetica italiana è più complessa: esistono molte discussioni. Ma per ora così va bene.

I fonemi camuni che intendo usare sono:
Ü come nel tedesco Über
Ö come in Ötzi
H: aspirazione dura

E poi, va considerato il suono J di Abajour. Su di essi, ho deciso così:
 § Le vocali le tengo tutte e 9, ma O di Ostico e E di Elica diventano allofoni rispettivamente di O ed E
 § I suoni Z scompaiono, e così il suono V
 § S'aggiunge il suono TH inglese, sia dolce che duro, e la H come aspirazione dolce
 § Il suono GLI diventa allofono di L
 § Il suono S dolce diventa allofono di S dura
 § Il suono J diventa allofono di G dolce
 § N davanti a F e V diventa fonema indipendente
 § Gli allofoni CH e GH scompaiono

Quindi, il sistema fonetico Novunese diventa:

A di Albero
B di Bara
C dura di Casa
C dolce di Cenere e di Cianuro
D di Dare
E di Edera, cono allofono (E di Elica) se seguito da dentale
F di Fare
G dura di Gara
G dolce di GIara
I di Imbuto
I semiconsonantico di Ieri
L di Lampada, con allofono GLI se tra due vocali anteriori (I, E) o tra due A
M di Mano
N di Nano, con un allofono davanti a gutturale (aNcora)
N di aNfora
O di Occhio, con allofono (O di Ostico) se seguito da dentale
P di Perla
R di Ratto
S dolce di Sdegno
S dura di Sole
T di Tatto
U di Uva
U semiconsonantico di Uovo
V di Volo
GN di GNocco
SC di SCia
Ü come nel tedesco Über
Ö come in Ötzi
H come aspirazione dura
H come aspirazione dolce.
TH inglese dolce (THis)
TH inglese duro (THing)

Per distinguere i suoni duri laddove non siano allofoni, utilizzerò ·, così evito anche di utilizzare i digrammi con H.
Be', la prossima volta vi mostro come dall'italiano si giunge a questo sistema fonetico leggermente diverso e come basta a modificare radicalmente le parole. Ciao!

6 commenti:

Hermano89 ha detto...

Anche ne "Il Signore degli Anelli" esiste un alfabeto appositamente inventato (o era una lingua?). Hai per caso preso ispirazione da lì, anche solo in parte? In ogni caso mi sembra un progetto ambizioso, auguri!

Davide Quetti ha detto...

Grazie, Hermano
L'ispirazione non mi è venuta dal Signore degli Anelli, ma è connaturata alla formazione di una realtà alternativa, dove non ci sono gli stessi popoli, e quindi nemmeno le stesse lingue e alfabeti. Tolkien lo sapeva bene: ha creato 2 alfabeti di base (Tengwar e Cirth) con tutte le loro varianti e numerosi linguaggi, dei quali i principali sono l'Ovestron (la lingua corrente), il Sindarin (l'elfico Tipico) e il Valinorean (l'elfico dei dotti)

Kikka95girlz ha detto...

Scusa, ma la lettera Q non l'hai messa? D'altronde tu ti chiami Quetti, no? :-)

Davide Quetti ha detto...

Kikka95girlz, la Q non è un fonema, ma una lettera che si usa per indicare la C dura davanti a U+vocale, salvo eccezioni (scuola). Qui invece io parlo di fonemi, perché nel parlato si usano i fonemi.

Viviana B. ha detto...

Pensa che a me invece è venuta in mente la lingua Klingon di Star Trek, chiaramente inventata ma diventata tanto popolare che numerosi terrestri hanno deciso di impararla; per farti un'idea, guarda qui! Il tuo è un progetto ambizioso, sono curiosa di seguirne lo sviluppo. Buon lavoro! :-)

Davide Quetti ha detto...

Addirittura, Vivi?!
Grazie.

Articoli Correlati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...