IO E LA SCRITTURA


Continuando Scrivere nel 2013, devo iniziare a rispondere alle domande:
  • Come scrittore, sai dove stai andando? 
  • Hai bene chiara in mente una visione del tuo futuro da scrittore? Oppure scrivi tanto per scrivere senza un traguardo in testa?
  • Hai imboccato una strada?
  • Cosa stai facendo per costruire la tua carriera di scrittore?
  • Che cosa fai per superare le difficoltà?
  • Tergiversi ancora con storielle senza un fine preciso da raggiungere?
Ecco le risposte:
  • Be', sto andando verso il miglioramento
  • L'idea è di allenarmi per essere pronto a pubblicare. Magari iniziando proprio dalle mie storielle, raccolte in cartaceo e migliorate.
  • Be', sto migliorando. De facto, sono un'autodidatta.
  • Scrivo storie e cerco di capire cosa ne pensa chi legge, sia leggendole a distanza di tempo, sia leggendo i pochi commenti su di esse.
  • Il mio fine è quello di migliorarmi. Però non so se può essere considerato valido ai fini della questione.
LA MIA VISIONE DELLA SCRITTURA
Intesa come ciò che voglio ottenere. Di per se, escludendo motivi puramente materiali (tradotto, soldi) su cui di certo non sputo sopra, l'obbiettivo (ancora più importante) è essere soddisfatto. Io ho sempre avuto problemi ad esprimermi nel parlato (grazie alla "cara" Sindrome di Asperger, :-/), ma nello scritto un po' meno (infatti su internet socializzo bene), pertanto per me scrivere è sempre un piacere.

IO SCRITTORE PER I LETTORI
Be', è difficile per chiunque. Poi, la Sindrome di Asperger mi rende ancora più difficile immaginare cosa pensano gli altri. Comunque, proviamo.
Uno che legge un mio racconto per caso immagino trovi una persona eseguente le seguenti cose:
  • Esprimere le proprie idee, pur cercando di tenere rispetto per che ne ha di diverse
  • Raccontare una storia con delle tematiche
  • Cercare di alleggerire con qualche battuta
IO SCRITTORE IN BASE AI MIEI LAVORI
Ora, un ragionamento sui risultati ottenuti. Penso di essere migliorato nei dialoghi, e di essermi un po' alleggerito. Inoltre, sono diventato più bravo con i nomi. Certo, c'è ancora molto da fare, ma nell'insieme mi ritengo abbastanza soddisfatto.

LE OCCASIONI IN CUI MI SONO IMPOSTO COME SCRITTORE
Al momento, solo sul blog mi sono imposto come scrittore. A parte su I.S.C., mi sono imposto come tale su "Storie e Personaggi", un altro mio blog. Inoltre, ho già partecipato ad un esercizio di scrittura del Laboratorio di Scrittura.

IO E LA SCRITTURA IN TRE PAROLE
Per finire, devo giudicare la mia vicinanza alla scrittura in base a queste tre parole: considerazione, sacrificio, impegno.
  • CONSIDERAZIONE: Io considero molto importante la scrittura, come ho già detto, sia perché mi è più facile esprimermi attraverso lo scritto, sia perché comunque saper scrivere mi ha aiutato molto quando ho dovuto imparare a parlare.
  • SACRIFICIO: Lo sforzo mentale e il tempo necessari per un buon racconto sono sacrifici, e io penso di essere in grado di affrontarli.
  • IMPEGNO: L'impegno è fondamentale per la scrittura. Sento di potermi assumere degli impegni.
Be', detto questo, direi che non c'è altro da dire. Ci sentiamo!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Viva Quetti, grazie del Blog

Davide Quetti ha detto...

Chi è che commenta senza firmare?

Articoli Correlati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...