LA RETE-2

Se volete vedere il capitolo precedente, vedi
qui http://neodqu.blogspot.com/2011/12/una-bella-storia-per-voi.html
UNA SCOPERTA STRAORDINARIA
LA NASCITA DELL'ARMA IT





Le spade nel medioevo erano ricche
di simboli, ed essendo anche l'arma
dei nobili per eccellenza,  molte storie parlano di
spade magiche, come Excalibur o Durlindana
(spada di Orlando dell'Orlando Furioso)
I nostri amici non erano i supereroi famosi dei fumetti, ne le supereroine nascoste dei cartoni giapponesi; essi vivevano nella società, ma al nascosto di essa, ognuno facendo qualcosa nella casa che diventava il lavoro detto ai vicini e agli altri curiosi (quindi la verità, in fondo): Tarpea Fiti era l'informatica (e in caso di necessità Hacker) del gruppo, Servio Coteri era il medico del gruppo ("medico privato"), Flora e Littero Liberis, che, da bravi archeologi, avevano un intuito notevole, erano un po' la squadra investigante del gruppo, Gladiatrex e Omega erano i capi del gruppo. Per i soldi, non c'era problema: Omega era ricco, e grazie a Gladiatrex sapeva sempre come investire bene i soldi, e in ogni caso era bravo a badare ai suoi affari.
Flora posò la mano sulla spada magica che aveva trovato in uno scavo. Essa l'aveva resa più resistente e rapida, e le assicurò valore e saggezza sufficienti a combattere nemici anche terribili, e ne aveva pure in avanzo. In origine non sapeva che farsene, anche perché non aveva prove che la spada le aveva dato quelle caratteristiche, e quindi  non c'avrebbe guadagnato nulla. Ma non riusciva a separarsene, qualcosa glielo impediva. Poi, un giorno, incontro Gladiatrex. Inizialmente non voleva credere che fosse una donna del paleolitico, ma lei tanto disse e tanto fece da farle capire che era la realtà; lei la portò da Omega, che già al tempo stava pensando di formare il gruppo; non aveva mai saputo come facevano a conoscersi Gladiatrex e Omega.

Gli anelli magici sono tipici della tradizione
europea, come ben sapeva Tolkien 
Lei aveva portato il fratello Littero, che aveva trovato un anello in grado di renderlo invisibile, di trasformarlo e di farlo volare.
Anche lui lo aveva trovato in uno scavo, ma a differenza di lei aveva provato a divulgare la sua scoperta, ed era stato accusato di insulto alla scienza tramite tecniche da illusionista, vilipeso e scacciato dalla comunità scientifica. Ormai malridotto, fu trovato dalla gemella (praticamente la sua versione femminile, oppure si può dire che lui era la versione maschile di lei, dipende dal punto di vista) e inserito nel gruppo. 

La spada in alcune tradizioni europee ha
un legame con la ragione, che discerne,
cioè divide tra bene e male, vero e falso, ecc...
come la spada taglia
Fu lui a portare Tarpea, che aveva il potere di capire tutte le conseguenze di una scelta e di distinguere vero e falso. Questo potere derivava da un incidente avvenuto durante un esperimento con un computer a batteria nucleare. Lei aveva avuto grossi problemi a farsi accettare per questo potere, in quanto tutti si rendevano conto che lei vedeva la realtà, e ciò era scomodo. Questa difficoltà lentamente allontanò tutti, finché rimase sola. L'incontro con Littero, cui era legata dall'essere un'emarginata, fu il più felice della sua vita. Lui la portò da Omega, che le insegnò come utilizzare il suo potere incredibile, in pratica uno sviluppo particolare del sesto senso, cioè quella forma di conoscenza indipendente dallo studio, l'intuito

Gli aggiustaossa erano
medici del popolo
Servio era giunto del gruppo dopo la morte dello zio. Come ho già detto, aveva fatto molti viaggi nel tempo al seguito dello zio. Nel frattempo studiava allo scientifico prima e poi all'università di Medicina e di Chimica. Nel tempo aveva fatto una miriade di esperienze, assumendo molte conoscenze, ma solo in ambito italiano (lo zio studiava i misteri della nostra nazione). Conosceva tutti i metodi tradizionali empirici (con le erbe e degli aggiustaossa, che oltre a sistemare le ossa rotte o slogate conoscevano l'arte del massaggio con maestria pari ai più famosi massaggiatori cinesi, e senza Yin e Yang) e molte arti marziali del bel paese, come sapete. Dopo la morte dello zio, conobbe Omega ad un pranzo di affari, e tra una chiacchera e l'altra uscì fuori la realtà. Le sue conoscenze da guaritore lo rendeva a dir poco letale, e poteva curare i membri in caso di bisogno.

Ora che ne sapete più dei nostri amici, possiamo andare avanti.

PUGNI LETALI E CORONE RUBATE
Cranio: la fronte è la parte più dura
Tarpea entrò con un foglio stampato. -Ragazzi- disse -credo sia venuto il momento di agire- -Cosa te lo fa pensare?- chiese Littero, molto scettico come sempre (è simile a quelli che adoro prendere in giro con i miei post); per lui i poteri di Omega e Gladiatrex erano legati non a legami con la divinità, ma a persuasione e addestramento. -In un articolo recente- spiegò l'informatica spazientita -si parla della morte di un archeologo per motivi misteriosi. Informandomi su internet ho scoperto che l'archeologo è morto per un pugno, tirati però in punto non letale-. -Ma non è possibile- disse Servio -bisognerebbe avere la forza di un toro o di un orso arrabbiati!- -E' la stessa cosa che ha sorpreso i medici che hanno fatto l'autopsia: il colpo è stato fatto sulla fronte, con una forza sufficiente a spaccare l'osso e a ledere in maniera letale il cervello.-
-Quindi è stato un uomo dotato di superforza?- -Esatto, Flora-.
La Corona Ferrea
-E non è tutto- continuò l'informatica -ad essere rubata è stata una corona ferrea--Intendi la corona ferrea- corresse Littero. -Aspetta- rispose Tarpea -fammi parlare; questa Corona Ferrea era un cerchio in ferro ritrovato in una villa di Costantino imperatore, ma il ferro mostra rimasugli di legno che potrebbero risalire alla crocifissione di Gesù- Qui tutti si alzarono in piedi sorpresi: per la leggenda, il cerchio su cui erano state poi messe le lastre d'oro era uno dei chiodi della croce di Gesù, recuperati dalla madre di Costantino. Il cerchio della corona nota era d'argento, ma con un cerchio in ferro di tal genere tutto cambiava! Inoltre, la leggenda diceva che chi possedeca la corona sarebbe stato invincibile! 
-C'è altro?- chiese Gladiatrex -Be'- rispose -la pietra su cui si trovava aveva dei segni. Li ho stampati-. Li consegnò a Flora e, con una smorfia, a Littero, i quali riconobbero subito la corona ferrea e altri sei oggetti particolari della nostra Italia. -Bene,- disse Omega -allora è meglio dividerci, per ora-. -Sono d'accordo- affermò Gladiatrex, capo alla pari -ognuno scelga un oggetto-.

Come andrà? Scopritelo nella prossima puntata: UN CALICE DI PERICOLO PER OMEGA X

Nessun commento:

Articoli Correlati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...